Gli strumenti del rabdomante

Durante questi anni di esperienza abbiamo utilizzato e provato numerosi strumenti per la rilevazione delle onde terrestri, falde d’acqua e per la misurazione della loro energia.

In commercio si trovano moltissime rute, pendolini o altri tipi di antenne con i materiali più disparati.

Abbiamo riscontrato che alcuni strumenti si prestano meglio di altri per specifiche ricerche, anche se alla fine non va dimenticato che l’ antenna da sola non funziona e che tutto dipende dalla sensibilità del radioestesista.

La ruta più semplice da utilizzare è una doppia bacchetta in ottone. Le maniglie sono costruite in modo che si possona tenere ferme nelle mani mentre le “antenne” sono libere di ruotare. Si presta molto bene per la ricerca di falde d’acqua ed anche per la ricerca per esempio di oggetti smarriti.

La ruta classica a forma di “Y” che é anche contenuta nel nostro logo, ha una efficacia generale. Il materiale con cui vengono realizzate é solitamente il metallo, sono ottime anche quelle in silicone.

L`antenna di Hartmann prende il nome dal Dr. Hartmann che ha scoperto la cosiddetta rete globale appunto di Harmann e l’influenza dei relativi punti di incrocio sulla nostra salute. Questa antenna si presta molto bene per la ricerca appunti dei nodi di Hartmann.

Molto utilizzato nel campo della rabdomanzia ma soprattutto radioestesia é il biotensore. Si presta molto bene per la misura dei cosiddetti BOVIS o REIZ EINHEITEN. Con questo attrezzo si riesce a determinare la potenza e l’energia di un nodo, di una falda d’acqua, di un alimento o di qualsiasi elemento geopatogeno o energizzante.

Sono solitamente costruite con una impugnatura di legno e una bacchetta di acciaio o anche di plastica in cima alla quale è presente un peso. Il peso può avere la forma sferica, a ciambella ed essere di legno di pietre preziose o minerali di vario tipo.

Una antenna molto particolare ma complessa da utilizzare è l’antenna di Lercher. L’antenna é stata creata dal fisico tedesco Ernst Lercher (1856-1926) per la misurazione delle vibrazioni sottili. L’antenna é dotata di un cursore, muovendo il quale ci si può sintonizzare sulle varie frequenze da analizzare. Ad ogni radiazione geopatogena, ma anche ad ogni minerale, metallo, organo o malattia o energia, corrisponde una determinata lunghezza d’onda.

Concludiamo questa analisi con i classici pendolini. Questi vengono associati a cartomanti o ipotetici profeti, ma sono effettivamente utilizzati anche dai rabdomanti e radioestesisti.

Possono sostituire ognuna delle antenne di cui sopra, a loro vantaggio la portabilitá e le dimensioni ridotte. A loro svantaggio invece la necessaria sensibilità ed esperienza dell’opertore per un corretto utilizzo.

Si trovano pendolini semplici o con testimone . In questo caso si può inserire nello strumento stesso un campione del materiale da analizzare o cercare.

Categorie: Blog