Il potere dell’invisibile

Fra due persone che sono una di fronte all’altra a un metro di distanza non c’è solo aria. C’è energia, vibrazione.

Tutti e due gli individui assorbono energia e contemporaneamente la trasmettono. Vi sarà sicuramente già successo di sentirvi a disagio vicino a una persona sconosciuta come anche provare piacere fisico nella vicinanza di una persona magari appena conosciuta. Il grande scienziato e chimico Barone Von Reichenbach(Stoccarda12 febbraio 1788 – Lipsia19 gennaio 1869),aveva rilevato attraverso i suoi esperimenti sui sensitivi che le persone emanano energia e che questa energia può essere positiva o negativa, come anche tutti gli individui possiedono un polo negativo e uno negativo; sì esattamente come una batteria.

Descrisse nelle sue lettere come  certe relazioni di coppia possono risultare difficoltose a causa di energie che si respingono, mentre fioriscono se le due persone possiedono un energia di simile frequenza.Degli studi simili sulle affinità di coppia e fertilità li svolse anche il Dr. Manfred Curry a Monaco.

Quindi noi siamo permeati da energia ed esiste uno scambio continuo di energia tra uomo e terra, tra uomo e cosmo, tra uomo e mondo vegetale, ma anche tra uomo e mondo animale e tra uomo e mondo minerale(si pensi al potere curativo dei cristalli).

Esistono delle influenze energetiche di provenienza terrestre ma anche cosmica che possono avere sull’uomo effetti negativi ma anche positivi. E’ quindi di vitale importanza sapere riconoscere quali di queste energie sono nocive ed evitare di esporsi ad esse per periodi prolungati.

Le radiazioni invisibili hanno quindi origine artificiale e vengono generate dall’uomo( campi elettromagnetici, onde radio, telefonia, wifi, ed altre) o sono di origine naturale(vene d’acqua, falde, scorrimenti geologici, reti globali terrestri).

Il compito di noi radioestesisti e geobiologi è quello di misurare con strumenti elettronici le radiazioni generate dall’uomo(elettrosmog) e le radiazioni presenti naturalmente attraverso l’utilizzo di biotensori, pendoli e bacchette e agendo da vere proprie antenne sensibili che trasformano l’invisibile in visibile.

Dr.Fabio Biason

Categorie: Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *